Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigando accetti.

Cerca nel sito

Newsletter

Non ricevi le nostre notizie? Controlla nella posta indesiderata


Ricevi HTML?

Pd Carate Brianza su twitter

Pd Carate Brianza su facebook

Maggioranza a pezzi: la destra si lacera per dispute interne

Presentando la giunta, nel 2018 il Sindaco Veggian dichiarava con l’abituale modestia (in un video
che nel frattempo guarda caso è stato cancellato), che né lui né i Caratesi avrebbero potuto
scegliere nomi migliori, né che si sarebbe potuta comporre una squadra di consiglieri più coesi e
capaci. Ora, anche questa affermazione auto-incensante viene puntualmente smentita dai fatti
con una maggioranza che nell’ultimo anno è letteralmente caduta a pezzi
In estate c’è stato il “licenziamento” dell’assessore Frigerio che non è mai stato ben spiegato
all’opinione pubblica: il Sindaco lo ha motivato con un atto che lui stesso aveva approvato e
definiva “la goccia che aveva fatto traboccare il vaso”, ma poi non ha mai risposto alle nostre
richieste di rendere noti i fatti che quel vaso lo avrebbero riempito, visto che fino al giorno prima,
come sempre, incensava l’opera del proprio assessore. A questo punto non possiamo che ritenere
più credibili le dichiarazioni di Eleonora Frigerio, secondo la quale la destituzione sarebbe
avvenuta per motivazioni opache e del tutto estranee alla sua azione politica ed amministrativa.
Nello stesso momento veniva annunciata la sostituzione “per fare ancora meglio” dell’assessore
Terraneo, una scelta che oggi Dei Molinari dice non avere nessuna credibilità richiamando proprio
il ragionamento che fece il nostro capogruppo in quel momento: come si fa ad affermare che si
farà ancora meglio sostituendo un assessore senza neanche sapere chi avrebbe preso il suo posto,
e lasciando la posizione scoperta per dei mesi?
Poco ci interessa dei dolori del centrodestra Caratese che peraltro, come accade puntualmente da
due decenni, si dichiara unito e motivato al bene comune quando si tratta di vincere una elezione,
per poi dividersi nel corso del mandato. Certo è più che legittimo chiedersi se chi ci governa in
questo scorcio finale avrebbe vinto le elezioni senza gli apporti di consenso ricevuti da chi poi lo ha
abbandonato sconfessandolo.
Di maggiore rilievo politico il fatto che i durissimi interventi contro la Lega resi in consiglio in nome
di Fratelli d’Italia da Dei Molinari e quelli in conferenza stampa di Frigerio contro Sindaco e Forza
Italia implicano che il nuovo progetto politico nasce in opposizione ad una maggioranza
apertamente indicata come focalizzata su interessi personali e incapace di perseguire quelli della
comunità. Si tratta dunque di una vera e propria rottura che non potrà non trascinarsi sulle
prossime elezioni: come potrebbe chi si è prodotto in affermazioni così gravi sostenere
nuovamente un progetto che comprendesse lo stesso Sindaco e i consiglieri che hanno avallato le
sue scelte?
E per corollario: come possono i cittadini Caratesi continuare ad avere fiducia nel loro Sindaco se
diversi membri di primo piano della sua grande “squadra” del 2018 a quattro anni di distanza
sostengono che la sua azione politica non è ispirata dall’interesse collettivo?

Asta aggiudicata. Venduto il Nove Piani: così il nostro PGT ha dimostrato di funzionare

La buona politica, quella che progetta il futuro, che mette in campo competenze e azioni lungimiranti, spesso porta grandi risultati per la comunita'. Nell'articolo di oggi sul Giornale di Carate, trovate il racconto di come le scelte operate dall'amministrazione di centrosinistra nella stesura del PGT abbiano favorito l'operazione che portera' alla demolizione del fatiscente 9 piani.


Un piccolo gesto, per ricordare il Presidente Sassoli

Oggi, la bandiera Europea sventola dal nostro circolo per ricordare il Presidente Sassoli.
Un uomo che ha saputo lasciare un segno indelebile nella storia Europea, in un momento difficile come quello che attraversiamo da ormai 2 anni.
 
Se l'Europa ha trovato la forza di reagire congiuntamente e porre le basi per una ripartenza comune è merito anche dell'encomiabile lavoro del Presidente Sassoli.

La scuola pubblica: scuola del più, non del meno

In questo articolo trovate una breve sintesi di un nostro intervento in consiglio comunale sulla scuola, il quale bene esprime l'idea di scuola pubblica per cui lavoriamo:

"I significativi cambiamenti della società e di conseguenza dei nuovi bisogni dei bambini e dei giovani ci inducono a pensare a una scuola diversa.
Non può più essere la scuola del passato ma, aperta al futuro richiede: più tempo, più spazio, più finanziamenti.
Perciò tempo pieno per i bambini della scuola dell’infanzia e della primaria, tempo di qualità per le classi di ogni ordine e grado. 

ci chiediamo se bastano oggi solo le piccole aule con i banchi in fila e la risposta non può che essere:certamente no. C’è la necessità di spazi caldi e luminosi nei quali gli studenti possono muoversi e lavorare. accanto palestre per allenarsi, laboratori attrezzati per esercitazioni e ricerche aule informatica, di musica biblioteca, auditorium per esprimere la propria creatività, per dibattiti e conferenze, studio per lo psicologo pronto a risolvere problemi emergenti queste sono le priorità a cui l’amministrazione deve ispirarsi  perchè ha il compito di offrire alle singole autonomie scolastiche strutture e ambienti radicalmente diversi: non è utopia, siamo ben consapevoli che il tutto sarà realizzabile solo gradualmente.
Siamo invece certi che muoversi in questa direzione e con una visione integrale complessiva renderà la scuola finalmente e realmente inclusiva per tutti  perchè in essa ognuno potrà trovare il proprio posto e sviluppare il proprio talento."

Il Sindaco, sulla piattaforma ecologica, vi ha mentito, vi mente e vi mentirà ancora

Il Sindaco ha mentito. Questa è l’incontrovertibile verità dimostrata dai fatti.
Ha mentito in campagna elettorale promettendo di poter realizzare la piattaforma in un anno.
Ha mentito, una volta insediato, continuando a promettere la realizzazione della piattaforma ecologica entro il 2019.
Ha mentito quest'estate quando ha sostenuto in consiglio comunale che lui e la sua amministrazione non avevano mai promesso di realizzare la piattaforma in un anno.
Mente ora, addossando la responsabilità dei ritardi al COVID.

Proprio il tentativo di farsi scudo dell’emergenza sanitaria per giustificare il suo fallimento non può che risultare totalmente irrispettoso e infondato: mi pare persino superfluo dover ricordare che l’emergenza sanitaria iniziò a fine Febbraio 2020 e non nel biennio 2018-2019, anni in cui la piattaforma ecologica doveva essere realizzata secondo la promessa del sindaco. Tuttavia, è opportuno ricordare che l’individuazione del vincitore del bando di gara per la costruzione della piattaforma ecologica è avvenuto solo a Marzo del 2021: insomma il processo di realizzazione è partito concretamente a distanza di un anno e tre mesi da quella che doveva essere la data di ultimazione secondo la promessa dal sindaco (ovvero il terzo quadrimestre del 2019).
Nessun rallentamento dei lavori dovuto all’emergenza sanitaria, dunque. Solo una cronica inefficienza nel gestire la macchina comunale.

L’azione del sindaco, si è sempre distinta per un tentativo, quasi disperato, di presentarsi come “il nuovo”. Nulla di più falso: Veggian è un politico di lungo corso e detiene pesanti responsabilità politiche proprio sulla triste vicenda della piattaforma ecologica. Da assessore all'ambiente, pur informato della necessità di chiudere la vecchia piattaforma, decise di non individuare nel PGT un'area per la nuova, puntando invece su impossibili progetti di riqualificazione (tra cui l’ormai famosa soluzione “palafitta”).
Chi lo seguì, invece, non commise lo stesso errore inserendo l’area per la piattaforma da subito nel nuovo progetto del PGT e iniziando a risparmiare fondi per la sua edificazione ma dovette fronteggiare l’emergenza non prevedibile dell’emersione di biogas.
L’accusa di inazione da parte del sindaco, nei nostri confronti, risulta quindi totalmente ridicola quando abbiamo dovuto rimediare agli errori di valutazione commessi da lui!

Quello che mi chiedo e che credo si dovrebbe chiedere qualunque Caratese, di fronte ad un sindaco che continua a negare e mentire pur essendo stato messo davanti all’incontrovertibile dimostrazione di aver mentito dai suoi stessi virgolettati e dai verbali di commissione, è:

“Se il sindaco è disposto a mentire in questo modo, su che cos’altro sarà disposto a mentire?
Su che cosa mi avrà già mentito?”

Cristiano Coletta - Segretario di Circolo

Breve sintesi del nostro lavoro sul PGT

La nostra Variante Generale al Piano di Governo del Territorio prevede: la riconversione a verde di quasi 500.000 mq di suolo che prima, invece, erano edificabili, salvaguardando così la qualità della vita dei nostri concittadini insieme al valore economico delle loro proprietà immobiliari, ed evitando di peggiorare ulteriormente la già problematica situazione viabilistica nella zona della Valassina; il recupero e la riqualificazione dell'esistente piuttosto che nuove costruzioni; la dotazione, per la nostra città, di un collegamento naturale, mediante una dorsale verde, da est a ovest; la rinaturalizzazione del fiume Lambro, liberando le sue sponde dagli edifici dismessi e studiando con i proprietari soluzioni alternative. E questi sono solo alcuni esempi...

Cosa succederà ora che la Giunta Veggian sta mettendo mano al PGT..?

Il Sindaco "smemorato" sulle sue promesse sulla piattaforma ecologica

Il sindaco ci ha accusato di aver detto il falso riguardo le sue promesse sull'utlimazione della nuova piattaforma ecologica entro il 2019 ma i fatti che qui vi riportiamo, parlano da soli.
Per il bene di tutti i Caratesi, ci auguriamo che la piattaforma venga ultimata l’anno prossimo, ma noi come tutti i Caratesi non possiamo che ricordare che, in quel momento, saranno passati 4 anni dall’insediamento del Sindaco e ben 3 di ritardo rispetto a quanto promesso dallo stesso sindaco.
Qui potete trovare il nostro video a riguardo

Lo svarione della maggioranza sul Canone Unico e la toppa... bucata

UN MESE E MEZZO PER CAPIRE CHE C'È STATO UN PROBLEMA E METTERCI UNA TOPPA... BUCATA!
Dopo più di un mese, alla fine, la maggioranza ha capito che sul canone unico, sono stati commessi dei gravi errori.
Fortunatamente, per una volta, ha seguito il nostro consiglio decidendo (dopo più di un mese di "verifiche") di re-inviare a tutti le cartelle corrette.
Per i rimborsi a chi ha già pagato tuttavia, ancora una volta, i cittadini vengono lasciati a loro stessi: infatti sarà necessario fare richiesta di rimborso!
Il comune, avrebbe dovuto provvedere a rimborsare direttamente tutti coloro che hanno pagato più del dovuto. Anche perché, come ben sanno i cittadini di Agliate, le promesse di rimborso di questa maggioranza possono valere ben poco.
 
Qui l'articolo del Giornale di Carate sull'argomento

Altri articoli...

  1. L'amministrazione dell'inefficienza: errori nei bollettini per il canone unico
  2. Il Bue che dà del cornuto all'asino - Storia di un burattino mentitore che credeva di essere un sindaco vero.
  3. Il Sindaco licenzia l'assessore Frigerio - il nostro commento
  4. PD Carate Brianza: un anno di proposte per la nostra città
  5. Il commento del nostro Capogruppo sul primo anno di amministrazione del Centrodestra
  6. Fronte anti-populista, la lettera del Segretario al GdC
  7. Europee e Carate: il nostro commento
  8. Veggian e l'occasione persa per il Centro Sportivo
  9. Vicenda Canali: comunicato del PD di Carate Brianza
  10. Festa Democratica dell'Alta Brianza: il programma
  11. Primarie 2017: si vota anche a Carate Brianza
  12. Primarie 2017: i risultati di Carate Brianza
  13. Congresso 2017: i risultati della Riunione di Circolo
  14. Congresso2017: le mozioni congressuali
  15. Giornata del verde pulito 2016: democratici caratesi presenti
  16. Opere pubbliche: i grandi investimenti del 2016 [VIDEO]
  17. Al lavoro per gli studenti caratesi: Piano per il diritto allo studio 2015 - 2016
  18. Manutenzione, ristrutturazione, sicurezza, modernizzazione: edilizia scolastica a Carate
  19. Bilancio e tasse: il commento del Sindaco Paoletti
  20. Profughi nella Casa Cantoniera: la parola al Sindaco
  21. Vignetta M5S: il commento del Segretario di Circolo
  22. Bilancio di previsione 2015: il commento del Segretario di Circolo Casiraghi
  23. PDì la tua: informati, discuta, vota
  24. La prossima Carate: le risposte dei caratesi
  25. La prossima Carate
  26. PGT: per saperne di più
  27. Comunicato stampa del 5/03/2015
  28. Comunicazione sul Consiglio Comunale
  29. Comunicato: sulle accuse rivolte nei giorni scorsi al nostro Sindaco
  30. Iniziativa PD a favore degli alluvionati di Genova
  31. Nuova scuola elementare; urbanistica, collegamenti e parcheggi
  32. "PD cementificatore"; la risposta del Segretario
  33. Anche a Carate #scuolenuove e #scuolesicure
  34. Mi tessero. Partecipo.
  35. Il ruolo dello sport e della scuola
  36. Elezioni europee, i risultati a Carate Brianza
  37. Lettera al Giornale di Carate, facciamo chiarezza
  38. Elezioni europee 2014: considerazioni del Segretario
  39. Secondo approfondimento: diritti e welfare
  40. Ambiente e Territorio: il PD in Europa
  41. L'importanza delle elezioni Europee (VIDEO)
  42. XXV Aprile 2014
  43. Penso al Dottor Stringi…
  44. Comunicazione dal Circolo
  45. Una lente sul Governo del territorio
  46. 8 Marzo, Giornata internazionale della Donna
  47. News dal territorio, il lavoro continua
  48. Il futuro del territorio caratese
  49. Primarie regionale 2014: i dati di Carate Brianza
  50. L'importanza della presenza sul territorio: l'incontro con il Segretario provinciale Virtuani
  51. Primarie PD Lombardia, per l'elezione del segretario regionale
  52. Giorno della Memoria e Giorno del Ricordo: le iniziative di quest'anno
  53. Propositi per il nuovo anno: confronto tra politica e cittadini
  54. Piazza Battisti si fa bella grazie alle cure dei volontari
  55. Primarie trasparenti
  56. Primarie PD 2013: risultati di Carate Brianza
  57. Le primarie della solidarietà
  58. Incontro di quartiere
  59. Il Pd incontra i cittadini
  60. Incontro con i residenti del quartiere di Via Giotto
  61. Solidarietà al circolo Pd di Roma