Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigando accetti.

Cerca nel sito

Newsletter

Non ricevi le nostre notizie? Controlla nella posta indesiderata


Ricevi HTML?

Pd Carate Brianza su twitter

Pd Carate Brianza su facebook

Riduciamo la burocrazia per i lavoratori con Partita IVA

Interrompiamo il circolo vizioso degli acconti versati allo Stato dai lavoratori con partita iva, perché è un sistema che mette costantemente in difficoltà i cittadini che lavorano in proprio.
Chi lavora con partita iva va rispettato e non messo in crisi. Per questo proponiamo di mettere uno stop agli acconti e di sostituirli con l’autoliquidazione mensile delle imposte: ogni mese il lavoratore paga le tasse dovute in base a quanto ha realmente incassato, cancellando le complicazioni legate agli anticipi e ai versamenti sul reddito presunto.
 
Qui puoi trovare l'intervento del Nostro Segretario Enrico Letta a riguardo:

https://www.facebook.com/partitodemocratico/videos/388222860183240

Guida al voto

In molti ci hanno chiesto come funzionerà la scheda elettorale in questa elezione, abbiamo quindi deciso di preparare questa breve guida:

Benché la legge elettorale sia piuttosto complessa, le modalità di espressione del voto sono piuttosto semplici:
   - Per votare è sufficiente FARE UNA X SUL LOGO DEL PARTITO PER CUI DESIDERATE ESPRIMERE IL VOSTRO VOTO.
   - NON c'è possibilità di voto disgiunto: se ciò dovesse accadere il voto sarebbe considerato nullo.
   - NON ci sono preferenze: ovvero non bisogna scrivere nessun nome sulla scheda.

È possibile fare un X anche sul nome del candidato all'uninominale della coalizione ma i voti espressi in questo modo verrebbero ridistribuiti proporzionalmente sui partiti della coalizione, semplificando: mettendo la X sul nome del candidato all'uninominale della coalizione di centrosinistra non avreste controllo su a quale partito della coalizione venga assegnato il vostro voto.

Insomma: sulle due schede è sufficiente mettere la X sul logo del Partito Democratico.

Qui sotto troverete delle copie facsimili della scheda elettorale che esemplificano come votare.

 

 

Il Partito Democratico è l'unico partito che ascolta i giovani

Il PD è il partito che parla di più ai giovani. Basta finti stage, basta lavoro sottopagato, salario minimo, un aiuto per la casa, per gli affitti e perl’accesso ai diritti fondamentali.
Vogliamo restituire ai giovani il diritto di diventare adulti e metterli al centro della nostra azione politica.
 
qui puoi trovare l'intervento della nostra Anna Ascani

PD partito del lavoro non dell'assistenzialismo

Al Sud serve lavoro, lavoro, lavoro.
Soprattutto per giovani e donne a partire dalla Pubblica Amministrazione con 300.000 nuove assunzioni nella PA, giovanilaureati per attuare il PNRR, destinato grazie alla nostra azione per il 40% al Sud.
Vogliamo una defiscalizzazione totale per le assunzioni degli under 35 e contro il lavoro povero e precario, il superamento del Jobs Act e lo stop ai vergognosi stage non retribuiti.
 
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e testo

Le nostre proposte per la sanità pubblica

Un Sistema Sanitario Nazionale forte è la premessa per la ripartenza del Paese.
Dobbiamo eliminare le diseguaglianze e garantire l'accesso alle terapie a tutti.
Dobbiamo investire su ricerca e innovazione, puntando sulla formazione del personale sanitario.
Guarda il video per conoscere le nostre proposte:

Difendiamo il PNRR dalle bufale di Meloni

Con Meloni si mettono a rischio tutti i passi in avanti che faticosamente si sono ottenuti sul percorso di integrazione Europea durante la pandemia e in questi mesi di guerra.

Basta bufale!

Potrebbe essere uno screenshot di Twitter raffigurante 1 persona e il seguente testo "Carlo Cottarelli @CottarelliCPI Nel dibattito con Letta Meloni ha detto che il PNRR può essere cambiato come previsto dall'art 21 del relativo regolamento. Ma l'art 21 dice che un PNRR può essere cambiato solo se diventa irrealizzabile per circostanze oggettive. Non si può dire: ho ho cambiato idea. Basta bufale."

Enrico Letta: dalla parte dell'Ucraina per difendere libertà e Democrazia

Sulla vicenda russa il PD non ha mai avuto dubbi sulle alleanze perché le nostre scelte si sono sempre basate su due cardini: europeista e atlantico.
Abbiamo dimostrato di essere un grande paese perché ci siamo schierati in difesa della resistenza Ucraina, dalla parte della libertà e della democrazia.
 
Qui puoi trovare l'intervento del Segretario Letta per intero

Enrico Letta a Monza: Una dimostrazione di cura e attenzione per la nostra provincia

Dalle 10 della prossima Domenica Enrico Letta sarà in piazza a Monza.
Un certificato di cura e attenzione per la nostra provincia da parte della leadership nazionale del Partito Democratico e un riconoscimento per le capacità amministrative da sempre dimostrate dai nostri amministratori!
Un evento a cui non si piò mancare!

 

Il nostro programma e i suoi approfondimenti

Il programma è e deve essere il fulcro dell'attività di ogni formazione politica, per questo è importante che ognuno di noi sia ben documentato sui programmi. 
Proprio per questo vi proponiamo qui il programma e gli approfondimenti tematici del Partito Democratico per il futuro dell'Italia:

Scarica il programma elettorale 2022 (formato PDF)

Scarica gli allegati al programma

La flat tax della Lega aiuta solo i ricchi

La flat tax della destra è un enorme regalo a chi ha già tanto, non funziona, e a pagarla è chi invece ha più bisogno di aiuto. Oggi Carlo Cottarelli su la Repubblica spiega perché.
  • Con la flat tax chi guadagna 600.000€ all’anno avrebbe un risparmio 112 volte superiore a chi ha un reddito di 30.000€. 
  • Ma la flat tax costa decine di miliardi, che devono essere finanziati o con altre tasse o tagliando i servizi pubblici. Significa meno sanità pubblica, meno istruzione, meno sicurezza, trasporti, solo per citarne alcuni.
  • E se i più ricchi già non usufruiscono di questi servizi perché si affidano al privato, a pagare interamente il conto sarebbe il resto della popolazione, cioè chi percepisce redditi medi e bassi.
  • La flat tax è un grande regalo a chi ha già molto, finanziato da chi ha di meno.
  • Questo spiega perché i paesi che avevano la flat tax la stanno progressivamente abbandonando: fino a pochi anni fa, in Europa erano 15 paesi, tutti dell’Est. Ora sono scesi a 8, tra cui la Russia. Non sembra un successo spettacolare.

Ecco il pacchetto di misure contro il lavoro povero e precario sul modello spagnolo.

Ecco il pacchetto di misure contro il lavoro povero e precario sul modello spagnolo.
✔️ Uno stipendio in più a fine anno grazie alla riduzione delle tasse sul lavoro;
✔️ Legge contro i “contratti pirata” che riconosce il valore legale, valido per tutti, del salario economico stabilito dai contratti collettivi;
✔️ Salario minimo contrattuale contro il lavoro povero (soglia minima definita con parti sociali e in linea con la Direttiva UE: 9 € ora);
✔️Reddito di Cittadinanza riformato anche con l'integrazione al reddito dei lavori poveri (in-work benefit);
✔️ Potenziamento del "Fondo nuove competenze” e del contratto di espansione;
✔️ Rafforzamento dei centri per l'impiego;
✔️ Riforma dell'apprendistato;
✔️ Abolizione degli stage extra-curriculari (eccetto quelli che iniziano a 1 anno dalla conclusione degli studi, che devono essere comunque retribuiti e durare massimo 12 mesi);
✔️ Introduzione della causale all’inizio del rapporto di lavoro per il contratto a tempo determinato;
✔️ Potenziamento dei controlli contro il lavoro nero e sommerso con l'estensione a tutti i settori del Documento Unico di Regolarità contributiva, già applicato in edilizia;
✔️ Piena applicazione della legge sul caporalato e per l'equa retribuzione di lavoratori e lavoratrici;
✔️ Estensione a tutti gli appalti pubblici della clausola di premialità per l'occupazione giovanile e femminile già inserita nel PNRR;
✔️ Legge per l'equo compenso in tutti i rapporti dove il committente non è persona fisica e che preveda la sanzione in capo esclusivamente al committente;
✔️ Anticipazione della proposta Ue sui lavoratori delle piattaforme online, con l'onere della prova sull'identificazione del tipo di rapporto di lavoro che si presume subordinato in capo alle piattaforme;
✔️ Promozione dello smart working;
✔️ Disincentivi al part time involontario;
✔️ Promozione di progetti di riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario;
✔️ Promozione della responsabilità sociale e di forme di democrazia economica nella governance delle grandi imprese.
Leggi di più su <div class=

Tre Misure per contrastare il caro energia

Tre misure immediate, concrete e realizzabili che possiamo attivare per affrontare il caro energia:
1️⃣ Raddoppiare il credito di imposta per le imprese,portandolo dal 15 al 30% e dal 25 al 50% per quelle energivore
2️⃣ Rateizzazione dei pagamenti per famiglie e imprese
3️⃣ Bollette Luce Sociale con prezzo calmierato per le famiglie con ISEE basso

 

 

 

Aumentare gli stipendi degli insegnanti

Se gli stipendi degli insegnanti tedeschi, spagnoli, olandesi sono molto più alti di quelli italiani, non possiamo restare a guardare.
Dallo stipendio dei nostri insegnanti passa anche il riconoscimento del loro ruolo e della loro dignità.
Vogliamo garantirgli una formazione continua e riportare, in cinque anni, i loro stipendi in linea con la media europea.
 

Trasporti e libri di testo gratutit

Con l’inizio dell’anno scolastico tante famiglie dovranno sostenere le spese per i libri scolastici e per il trasporto pubblico: un peso sui conti di casa,soprattutto per chi ha più figli.
La nostra proposta è semplice: vogliamo rendere libri di testo e trasporti gratuiti per le famiglie a reddito basso e medio, in base all’ISEE.
È un modo immediato per aiutare le famiglie, nessuno deve trovarsi in difficoltà con le spese che consentono ai figli di studiare.
Per il PD la scuola è il luogo del potere della conoscenza, non un costo a cui guardare con timore.

Italia Rinnovabile: zero burocrazia per aziende più green, più lavoro, bollette più basse

La transizione energetica è un processo che non possiamo rinviare. Abbiamo bisogno di produrre energia da fonti rinnovabili per ridurre l’inquinamento, per renderci più indipendenti a livello geopolitico e per pagare meno le bollette.
Proponiamo un piano nazionale per la costruzione di nuovi parchi rinnovabili che porterà alla creazione di 470mila ‘lavori verdi’ in 10 anni; l’azzeramento della burocrazia per le imprese che vorranno installare pannelli solari nei propristabilimenti; l’abbattimento dei costi della bolletta energetica con un contratto luce sociale per famiglie con reddito medio basso.
Con il Partito Democratico il 25 settembre #vinconoleidee, vince l’Italia.
 

Più medici di Famiglia: piano assunzioni per stare vicino a chi ha bisogno di cura

Vogliamo un Paese in cui nessuno si senta solo. Per questo crediamo nella medicina del territorio affinché tutte e tutti possano ricevere subito assistenza nelmomento del bisogno.
Per anni la destra ha considerato superato il modello dei medici di famiglia. Noi invece vogliamo aumentarne il numero con un nuovo piano di assunzioni.
Noi continuiamo a credere nella sanità pubblica, rafforzandola e migliorandola.
Con il Partito Democratico #vinconoleidee, vince l’Italia.
 
Vogliamo un Paese in cui nessuno si senta solo. Per questo crediamo nella medicina del territorio affinché tutte e tutti possano ricevere subito assistenza nelmomento del bisogno.
Per anni la destra ha considerato superato il modello dei medici di famiglia. Noi invece vogliamo aumentarne il numero con un nuovo piano di assunzioni.
Noi continuiamo a credere nella sanità pubblica, rafforzandola e migliorandola.
Con il Partito Democratico #vinconoleidee, vince l’Italia.

La casa è un diritto

La casa è un diritto.

Per questo vogliamo aumentare il numero di alloggi a canone calmierato, perché troppe persone nel nostro Paese non riescono a pagarsi un affitto.

Nei prossimi 10 anni ci impegniamo a realizzare 500.000 nuovi alloggi a canone concordato per le persone in condizione di fragilità economica, rigenerando spazi abbandonati e e vecchi edifici delle nostre città.

Il diritto alla casa e la rigenerazione urbana devono andare di pari passo.

Con il Partito Democratico #vinconoleidee, vince l’Italia.

 

Un mese di stipendio in più: giù le tasse sul lavoro

Se aumenta il costo della vita devono aumentare gli stipendi.


L’inflazione a luglio ha toccato il 9,1%. Questo significa che il costo della vita “mangerà” quasi un mese di stipendio alle persone. Un dramma, soprattutto per le famiglie più povere.

Ecco perché bisogna intervenire subito: restituire agli italiani quel mese di stipendio perso. Come? Tagliando le tasse sul lavoro. Un beneficio anche per i contribuenti con redditi molto bassi che già hanno IRPEF azzerata. E per aiutare le imprese ad assumere e fare investimenti con serenità.

Con il Partito Democratico #vinconoleidee, vince l’Italia.